Infrangere le norme. Vita, scienza e tecnica nel pensiero di Georges Canguilhem (Mimesis 2019)

Il volume raccoglie otto saggi dedicati al pensiero di Georges Canguilhem (1904- 1995), medico, filosofo e storico delle scienze biologiche, la cui influenza ha segnato gran parte della filosofia francese contemporanea, annoverando allievi come Foucault, Simondon, Deleuze e Bourdieu. Il libro introduce le principali linee di ricerca di un pensatore che può fornire coordinate concettuali valide per far fronte agli interrogativi del presente: dalla relazione tra sapere e storia al rapporto tra verità, postverità e ideologia, dalla domanda sullo statuto della tecnica fino al suo ruolo nella ricerca scientifica. La raccolta si propone, dunque, come occasione di riflessione attorno a una figura difficilmente inscrivibile nelle attuali suddivisioni disciplinari, cercando di restituire la complessità e la trasversalità delle questioni implicate nei suoi studi.

Fiorenza Lupi (1989) ha conseguito il titolo di Dottore di ricerca in Filosofia presso La Sapienza, Università di Roma. I suoi studi si concentrano sul concetto di creatività tecnica nella riflessione di Georges Canguilhem e sulla relazione di quest’ultima con l’estetica kantiana. Da novembre 2018 è a Parigi per svolgere attività di perfezionamento della propria ricerca dottorale. È membro di Épistémologie Historique: Research Network on the Tradition and Methods of Historical Epistemology, dell’Università “Paris 1 Panthéon-Sorbonne”. I suoi principali ambiti di interesse concernono la filosofia della tecnica, la biopolitica, l’estetica, la filosofia della biologia e l’epistemologia della medicina. 

Stefano Pilotto (1985) è Dottore di ricerca in Filosofia della scienza presso La Sapienza, Università di Roma. Si è laureato in Filosofia nel medesimo ateneo e ha conseguito la specializzazione in Scienze della cultura presso la Scuola Internazionale di Alti Studi di Modena (FSC). Le sue aree di ricerca riguardano la storia e l’epistemologia della scienza e della tecnica, la filosofia della biologia e l’antropologia, con particolare attenzione alle questioni inerenti l’evoluzione umana e le retroazioni reciproche tra dimensione biologica e culturale. Dal 2017 è membro di Épistémologie Historique: Research Network on the Tradition and Methods of Historical Epistemology.